Al via l’8 aprile la nuova stagione del ristorante gourmet Due Camini: alla guida si conferma lo chef pugliese Domingo Schingaro

 

Savelletri di Fasano (BR) – La Puglia, le sue materie prime, i suoi profumi e le sue tradizioni: a Borgo Egnazia l’offerta enogastronomica segue il fil rouge dell’autenticità e della stretta connessione con il territorio, per offrire agli ospiti esperienze “introvabili altrove”, come vuole la filosofia di questo straordinario luogo immerso nella natura pugliese. Filosofia che trova la sua massima espressione nel ristorante gourmet Due Camini, che ha riaperto i battenti l’8 aprile: alla guida si conferma, per il secondo anno consecutivo, lo chef Domingo Schingaro. Classe 1980, barese, Domenico (detto Domingo) Schingaro è arrivato nelle cucine di Borgo Egnazia all’inizio del 2016 – forte di esperienze all’estero (Hotel Grosvenor House a Londra), in Italia (I Due Buoi ad Alessandria) e a Expo 2015 (resident chef del ristorante Identità Expo). A lui il compito di continuare il grande progetto gastronomico incominciato lo scorso anno: tra i suoi obiettivi la valorizzazione del patrimonio enogastronomico locale, la tutela e reinterpretazione della tradizione culinaria e il coinvolgimento dei migliori produttori locali. Tra i piatti che meglio rappresentano questa sua impostazione, troviamo ad esempio Gnumareddi, lampascioni e cicoria(rivisitazione di un tipico street food pugliese), Ali di razza alla mugnaia, limone femminiello del Gargano (razza fritta servita con salsa al prezzemolo, maionese al limone e gel di alloro), e poi ancora Taralli bolliti, finanziera di pesce e borragine, ovvero la riproposizione del classico tarallo (solo bollito, non passato in forno) accompagnato da un ragù di interiora di pesce. Piatti con una predominanza netta di verdure, sempre sapientemente valorizzate: i cavolfiori scottati come se fossero delle bistecche, le carote di Polignano preparate in “vari modi”, la scelta degli ingredienti in base alle stagioni e combinati giocando tra l’amaro, il dolce, il sapido e il croccante.

mailing 2 camini.png

Ma al Due Camini ogni dettaglio richiama la Puglia: tra le novità della stagione, meritano una menzione i nuovi piatti, creati ad hoc dal Laboratorio di Ceramiche Del Monaco di Grottaglie, da un’idea del creativo Pino Brescia(che ha firmato l’intero progetto di Borgo Egnazia). Si tratta di pezzi unici realizzati a mano che si ispirano ai tradizionali “Cunzapiatt”, piatti in ceramica che venivano riparati con una particolare tecnica di cucitura, in uso un tempo tra le famiglie che non potevano permettersi di acquistarne di nuovi. E poi il pane: fatto rigorosamente in casa con lievito madre e cotto in forno a legna, recuperando così preparazioni e gesti antichi. 

A completare il tutto, un attento studio di abbinamento tra pietanze e vini: la carta del Due Camini è la sintesi tra le migliori etichette pugliesi, nazionali e internazionali. Una cantina con oltre 750 etichette (70% vino pugliese, 20% vini nazionali e il 10% vini esteri) che rappresentano l’orgoglio della produzione di qualità enoica pugliese. Una grande selezione che tiene conto della storia, dell’autenticità, dell’autoctonia e della rappresentatività che questi vini e produttori hanno saputo esportare in tutto il mondo. Un’area è riservata al progetto “Super Apulian”: creato tre anni fa dal Wine Experience Manager Giuseppe Cupertino, si pone come obiettivo la creazione di verticali storiche dei vini blasone della regione.

 Il ristorante Due Camini è aperto tutti i giorni, tranne il martedì. Pranzo dalle 12.30 alle 14.30 (solo su prenotazione), cena dalle 19.30 alle 22.30. Il ristorante è aperto anche agli ospiti che non soggiornano a Borgo Egnazia. Bambini: ammessi dai 12 anni in su.

 

 

 

Cinque ristoranti e una spesa, per un’offerta gastronomica unica

 

Oltre a firmare quotidianamente il menù del ristorante gourmet Due Camini, Domingo Schingaro supervisiona tutta l’offerta food di Borgo Egnazia è anche il responsabile della “spesa”, ovvero della scelta delle materie prime che sono alla base delle ricette proposte in tutti e sei ristoranti della struttura. La sua predilezione va agli ingredienti locali, molti dei quali provenienti dagli orti di Masseria San Domenico (pomodori, cavolfiori, cime di rapa, insalate), scelti con cura in base a freschezza e stagionalità. Nell’impresa è coadiuvato dal coach Andrea Ribaldone (chef della nuovissima ”Osteria Arborina” di La Morra, nelle Langhe).

 

Oltre al Due Camini, l’offerta gastronomica di Borgo Egnazia si declina in altri quattro ristoranti, ognuno con una sua specificità e tutti aperti anche agli ospiti esterni. Per un tuffo nelle ricette della più autentica tradizione pugliese c’è la trattoria Mia Cucina, il regno delle “massaie”, dove i piatti vengono preparati davanti agli occhi dei clienti e dove si possono assaporare cibi rustici, pizze fragranti cotte nel forno a legna e tanti prodotti semplici ma gustosissimi. Ma anche La Frasca richiama l’atmosfera rustica tipica delle tavole pugliesi, con una particolare predilezione per tutto ciò che è a chilometro zero e per i piatti della dieta mediterranea, con grande spazio alle verdure. Sulla scenografica spiaggia di Cala Masciola, all’ombra di candide tende, si trova invece la Pescheria da Vito, ristorante perfetto sia per pranzi leggeri che per romantiche cene in riva al mare. Il menù punta naturalmente sul pesce, che gli ospiti possono scegliere dal grande bancone con l’aiuto del pescatore Giampiero. Pesce freschissimo, mai decongelato, mai d’allevamento e, per quanto possibile, a chilometro zero. Novità dell’anno saranno i “Beach Butler” a disposizione degli ospiti che desidereranno pranzare sotto l’ombrellone, nella tranquillità della loro privacy (il cliente dovrà soltanto apporre la bandiera rossa per poter ordinare il pasto). Infine, per i più piccoli, c’è Da Puccetta, ristorante che propone un menù ad hoc che varia ogni giorno, ma sempre all’insegna del “mangiare giocando”: piatti sani ma divertenti, per far provare loro gusti diversi e avvicinarli nel migliore dei modi a un’alimentazione equilibrata.

 

 

SAN DOMENICO HOTELS GROUP – Identità fortemente pugliese, unita a servizi su misura e di altissimo livello: questo è San Domenico Hotels Group, un piccolo mondo di ospitalità di cui oggi fanno parte diverse realtà. Capostipite è Masseria San Domenico, splendida struttura tradizionale dotata di un fascino senza tempo e di una delle migliori Spa per la talassoterapia in Italia. Masseria Cimino è invece un agriturismo “boutique”, rinomato per la cucina naturale e il design contemporaneo. Borgo Egnazia è l’interpretazione visionaria di un tipico paese pugliese, realizzato in tufo e circondato da uliveti millenari, e ospita la Spa “alchemica” Vair e le sue esperienze di “life coaching” esperienziale. Il San Domenico Golf Club è un classico “link” a 18 buche impreziosito da vegetazione mediterranea, ulivi secolari e affacci sul mare. Masseria Le Carrube, alle falde della collina di Ostuni, permette di immergersi totalmente nella natura e nella tradizione. Infine, San Domenico House è una raffinata townhouse nel cuore di Chelsea, a Londra (www.sdhotels.it).

 

BORGO EGNAZIA – Borgo Egnazia, a Savelletri di Fasano, è un meraviglioso luogo di vacanza, “liberamente ispirato” nelle forme, nei materiali e nei colori a un tipico paese pugliese. Qui unicità e autenticità si fondono per creare qualcosa di inedito e speciale, introvabile altrove: un “Nowhere Else Place”, nel claim con cui Borgo Egnazia si presenta anche all’estero, che riesce a combinare le più genuine tradizioni locali a servizi di altissimo livello. Aperto tutto l’anno, offre 63 camere, 92 casette e 29 ville, diversi ristoranti, due bellissime spiagge private, piscine indoor e outdoor, campi da tennis e le 18 buche del San Domenico Golf Club, un classico percorso “link” caratterizzato da vegetazione mediterranea, ulivi secolari e affacci sul mare. All’interno di Borgo Egnazia si trova Vair, spa la cui visione (“vair” in pugliese significa “vero”) pone l’enfasi sulla bellezza interiore come fulcro dei trattamenti. Qui le tradizioni ancestrali locali ispirano vere e proprie “esperienze cambia-vita”, caratterizzate da nomi in dialetto. (www.borgoegnazia.it)

Tariffe camera doppia “Corte Bella” a partire da € 240 al giorno (in bassa stagione), compresa la prima colazione.

 

VAIR SPA – La visione di Vair, la spa che occupa circa 2.000 mq all’interno di Borgo Egnazia, pone l’enfasi sulla bellezza interiore come fulcro e obiettivo dei trattamenti di benessere. Il vero benessere – “vair” in dialetto pugliese significa “vero” – è uno stato che si raggiunge gratificando tutti i cinque sensi, scegliendo di abbandonarsi a esperienze di vero e proprio “life coaching” esperienziale. L’autenticità della Puglia e le sue tradizioni ispirano i 14 programmi “cambia-vita” di Vair, che sotto la guida di Patrizia Bortolin, direttrice e fondatrice di Vair, e lo star therapist Stefano Battaglia, vengono condotti da un piccola comunità armonica di terapisti, esperti in naturopatia psicosomatica, aromaterapia, idroterapia Kneipp, Spa-Life coaching, meditazione vipassana, oltre naturalmente ai tradizionali trattamenti spa. A disposizione degli ospiti ci sono inoltre cinque piscine, Terme Romane con tepidarium, calidarium e frigidarium, una vasca salina di galleggiamento, sauna e bagno turco, nove cabine per i massaggi, due cabine beauty, un’area per manicure e pedicure, uno studio per parrucchiere e make-up, una sala fitness e uno studio Yoga Iyengar, un’area relax-tisaneria (interna ed esterna), una spa suite con corte privata e uno spa cinema. (www.vairspa.it)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...